Parlottoliere

Dove il tempo gioca a carte con lo scazzo

Archivio per Multicultural

Steve (Almighty) Jobs

Big thanks to Antitza 😉

A volte Ritornano…

Eccomi di ritorno dalla breve vacanza a casa e in España (Sevilla).

A presto nuove foto online 😉

Besitos

Corpo… in fuga

Corpo… perchè proprio cervello non mi voglio considerare. Un corpo in fuga quindi, almeno così vorrei. Infatti come prima esperienza lavorativa sicuramente sceglierò un paese estero.

Sceglierò significa che i miei Curricula saranno inviati quasi interamente all’estero. E questo perchè sinceramente non so come sia fattibile una vita nel marasma lavorativo Italiano che equipara una persona che entra nel mondo del lavoro dopo un attento training durato 10 anni (nel caso ottimista) se così vogliamo chiamare una laurea, ad un metalmeccanico (con tutto il rispetto per i metalmeccanici). Sembrano parole brutte a dirle quasi. Eppure è così.

E allora uno cerca altrove, cerca di riuscire a fare anche qualcosa di diverso.

In Italia non si capisce perchè tutto debba restare immobilizzato, il mondo del lavoro sembra puzzare di stantio, anche se, ne sono sicuro, molte realtà sono vive e vegete.

Riporto un link dal blog di Scalfarotto (candidato del PD), parla di un Nobel Italo/Americano che il Corriere ha italianizzato per onore della gloria Italiana.

E’ la fine…

This is the end, Beatiful friend

Cannibalizzo l’incipit dei Doors per questo ultimo post dall’America.

Tra due giorni parto. Lascio questa esperienza che nel bene (persone conosciute, posti visti, legami allacciati) e nel male (lavoro non proprio entusiasmante e ultimamente spossante) sicuramente lascia una delle tracce indelebili nella memoria, una sorta di sgommata nella memoria, difficile da dimenticare.

Adesso mi aspettera’ un’altra settimana di fuoco non proprio densa di impegni, anche se l’ultimo esame (in Francia solamente 🙂 ) e la discussione della tesi possono essere abbastanza pesanti anche da soli, figuriamoci a 12 ore di distanza uno dall’altro.

In piu’ tutte le cose organizzative et similia.

Oggi ho quasi salutato le/i colleghi al lavoro con un pranzo. La scelta del posto e’ ricaduta su di me; ed essendo un amante delle cose che ritornano (corsi e ricorsi come per Vico) e soprattutto amante di cose simboliche, ho scelto Tomisushi, prima vera uscita con il mondo Panasonic (allora Philippe, Yama-san e Luca). Oggi eravamo un po’ di piu’ 🙂 non e’ stato propriamente un addio. Spero di avere l’opportunita’ di tornare qui un giorno (solo per rinfrescare la memoria 🙂 ). Vedremo.

I saluti sono cominciati anche ieri quando ho salutato Kim tecnofobica (e quindi splendida) amica di Alesandra. Ci rivedremo quando verranno in Italia o Francia come le ho detto di fare.

E adesso il blog?
C’ho pensat, penso che lascero’ questo on. Alla fine mi ci sono affezionato (per quanto ci si possa affezionare ad una cosa che esiste solo nel mondo finto). Si avra’ un cambio di stile sicuramente, la grafica da “Big American Dream” che tanto e’ piaciuta a Maria Assunta all’inizio verra’ rimpiazzata con qualcosa di piu’ fresco e leggibile.

Nel frattempo: “Nondimenticatemi!!!”

CPPT.

Gelato != Ice Cream

 Ovviamente mi perdonerete l’informatichese [n/m]erdoso del titolo, ma non trovavo altro modo per condensare in pochissime parole il concetto.

Il concetto di queste differenze l’ho scoperto al PicNic di tempo fa. Stefano mi ha aperto gli occhi alla terribile verità:se ordini un Ice Cream in America non ti daranno un Gelato.

Gelato != Ice cream

E questa cosa è alquanto strana e rabbrividosa. Cioè, non solo ti copiano la ricetta, ma sentendosi carenti dal punto di vista creativo, ne creano una versione storpiata e peggiore (leggi anche Parmesan Cheese, oppure Chocolate con grassi animali).

Insomma la differenza sta semplicemente nel quantitativo di latte che ci si mette dentro. E in Italia tutti si “lliccano” il loro bel gelato ignari che a migliaia di miglia di distanza c’è della gente che invece si gusta un bell’ice cream che tutto sa tranne di gelato… perché gelato non è!!!

Postrack:  Jethro Tull – Bourée