Parlottoliere

Dove il tempo gioca a carte con lo scazzo

Apple come Deezer

Ed ecco che alla fine qualcuno vede la vera rivoluzione (?sic?) della musica. Anche l’Apple come Deezer e molti prima di lui permetterà di ascoltare musica in streaming dal proprio catalogo e in aggiunta di scaricare qualsiasi album sul proprio iPod pagando un abbonamento di soli 7-8 dollari al mese.

La musica diventa come la bolletta dell’acqua. E quando torneremo a casa e dal nostro iTunes non uscirà suono di sorta ce la prenderemo con il/la consorte che non ha pagato l’ultima bolletta.

Un bene di consumo come e più degli altri, un prodotto commerciale di seconda necessità.  Ed anche se prodotti del genere garantiscono una fruibiltà della musica impressionante (basta la connessione a Internet Adsl e un browser qualsiasi con Flash) dall’altro lato sviliscono al massimo l’ascolto della musica.

E in un periodo in cui giro per cercare dei diffusori per creare il mio primo impianto di ascolto HiFi mi sembra di essere uno che cerca una 500 in un mondo di persone con macchine volanti, non uno obsoleto (badate) ma uno che vuole qualcosa di lusso.

Speriamo che tutto non perda ancora il fascino di una volta. Anche se l’ha perso un po’ da tanto tempo diranno in tanti.

Spazio all’innovazione, largo al futuro. Verso l’infinito e oltre!

OT: Berlino è stupenda (sono stati cinque giorni magnifici) 😉 Saludos.

No comments yet»

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: