Parlottoliere

Dove il tempo gioca a carte con lo scazzo

Pablo Mastella

E’ così, nell’estasi finale dell’esaltazione per la prematura fine del Governo provocata da egli stesso; caduto nel Nirvana di un possibile reincarico a breve firmato Berlusconi, l’aulico Mastella pindareggia poeticamente in aula ben sapendo che la sua teatralità maschererà il furto. Furto non suo, ma da lui attribuito a Neruda a questo punto.

Cioè, Mastella pronunciando quella poesia e dicendo soprattutto che l’abbia scritta Neruda afferma e testimonia a tutti noi la furbizia di un Neruda ladro di versi…

Ma state tranquilli, meno male che i Blog sono attivi e ragionano, non come accade per i nostri politici (che pure un blog a volte hanno). HalfTone corregge Pablo Mastella e annuncia che è stato Mastella a prendere una cantonata, Pablo mai si sarebbe permesso di rubare la poesia alla signora poetessa Martha Medeiros.

Postrack: In questo mondo di LADRI 

No comments yet»

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: