Parlottoliere

Dove il tempo gioca a carte con lo scazzo

Archivio per dicembre 26, 2007

Titless

Il dopo festa passa e porta via affanni e colma i precipizi mentali. Buchi neri che senza fine costellano la mente umana. Essi rappresentano la nostra memoria, i fatti e le esperienze, le memorie e i ricordi cadono (a volte inciampando) in queste trappole che tutto raccolgono. Alcune delle mie colme fino all’inverosimile diventano collinette, il problema creato da queste è l’impossibilità a volte di sormontare queste; l’impossibilità di vedere quello che sta oltre, l’impossibilità di aggirarle. Ed allora consciamente o inconsciamente, a volte, salgo alla guida di questo buldozzer mentale e mi dedico a un po’ di lavori di consolidamento del manto mentale. Abbatto collinette e riempio voragini in un disperato tentativo di riacquisire la vista oltre la collina e riempire potenziali trappole. Immancabilmente qualche meteora o qualche terremoto riapre alcune voragini. Troppo pericolose. Aspetto che il cemento armato venga inventato nel mio mondo mentale e che una santa colata crei un distaccamento di Milano2. O attendiamo migliaia di ettolitri di fertilizzante che coprano tutto di una fitta verde vegetazione.