Parlottoliere

Dove il tempo gioca a carte con lo scazzo

Archivio per novembre 6, 2007

La storia cominciò.

Fuori è buio ormai da un pezzo e non so perchè ma mi va di riprendere un po’ il filo di questo blog ormai languente da tempo immemore 🙂

Studio… o così dovrei fare. L’esame è prossimo (anzi, gli esami) e la materia che mi attanaglia le caviglie si chiama : … no, meglio non dire il nome, dico solamente che ha a che fare con i computer (ci voleva tanto…) e che soprattutto mi ha riportato alla mente spezzoni della prima infanzia prescolare.

Per l’esattezza mi ha riportato alla memoria questo ammasso di ferraglia stupendo (permettetemi l’aggettivo non proprio associabile ad un computer):

Computer Olivetti M24

si tratta del M24: un computer della Olivetti una delle più conosciute (al tempo) aziende italiane e soprattutto la più sfruttata. “Olivetti prima lo usi e dopo lo getti” si diceva al tempo. Peccato che non fosse propriamente vero. Le cose fatte dagli italiani al solito risultano sempre fatte bene. E anche questo piccolo computerino faceva la gioia di tanti possessori (me compreso).

Dal canto mio e di mio fratello era semplicemente stupendo con il suo GW.basic integrato per programmare ma soprattutto per i giochi che all’epoca chiamavamo GIOCHI e non Videogiochi. (mio padre era cmq sempre dietro a gridarci contro).

Poi vennero altri tempi e altre macchine ma questo, Space invaders, PacMan, la Boxe e il Biliardo resteranno per sempre nella memoria 🙂

 

Postrack: SmoothJazz on Sky.fm