Parlottoliere

Dove il tempo gioca a carte con lo scazzo

Here we are!

Non sono crepato… per ora. 🙂 Il lavoro nobilita l’uomo hanno sempre detto, io ci aggiungo la seguente postilla: “e lo stanca”.

In questi giorni come avrete potuto capire dall’incipit sono stato (sono e sarò) immerso completamente dalla mia tesi. Il problema essenziale è che fin’ora mi sono spaccato ma di risultati neanche con un binocolo Konus… Speriamo in bene.

Il capo e i colleghi saranno via per un po’ dall’ufficio. Riattaccano il primo Agosto. Io intanto avrò tutto l’ufficio per me. Ogni giorno colazione a base di spremuta di meningi (anche se spremuta non è proprio italiano, me lo concederete), e cervello in fricassea come piacerebbe al nostro caro Dott. Lecter.

Tutto questo per riuscire a far scoccare la scintilla che risolva tutto all’ultimo minuto, il lampo di genio che risolva tutti i problemi. Insomma il trucchetto cinese per fare esplodere il progetto in qualcosa di finito o possibilmente finibile (da chi? da me? da altri? vi-mi lascio con il dubbio).

Nel frattempo molto è accaduto in questi giorni.  Ricordate il mio compleanno? Ebbene mi ero dimenticato di raccontarvi la scenetta esilarante. Avevo invitato all’uopo Ruka e Veronique a casa, a mangiare un po’ di sana pasta con sugo ai peperoni al curry e peperoncino. E insieme a noi mangiava Ales[s]andra. A un certo punto lei si gira e fa, Carmelo ma tu quando fai il compleanno, e allora mi sono ricordato che avevo dimenticato di dirle un piccolo particolare 🙂 … Allora le ho risposto normalmente: “oggi”. 😀 Penso che la faccia che ha fatto la ricorderò per tutta la vita 🙂

Ora sono qua e ho un diario bianco in più (me lo ha regalato lei). Qualche cosa da scriverci dovrò pur trovarla. Vedremo. Anche perchè multitasking non sono proprio e tenere già uno di diario è abbastanza. 🙂

Oggi con Paolo siamo andati a farci un giro al Great Mall e a vedere Rescue Dawn. Un film molto intenso e basato su una storia vera. Un film da fiato sospeso. Soprattutto se pensate che quelle cose (e ovviamente molte altre in più) il protagonista le ha vissute veramente e mica ciccia. Non so se sia un film nuovo o vecchio a dire il vero. Il modo in cui è stato girato e la qualità della pellicola mi fanno propendere per la seconda opzione. Un film che si basa completamente sul valore umano della libertà, con un pizzico di americanismo che non guasta.

Passando ad altro argomento, il mio iPod ha un nuovo vestito sbrilluccicoso. Ho comprato un case metallizzato che come direbbe il Callippo è tamarrissimo e gli mancano solo i neon blu. Per il resto mi sta regalando ottime soddisfazioni, sto cercando di provare anche i video, anche se usarlo per i video mi sembra una grandissima minchiata: lo schermo ha una risoluzione spettacolosa, ma resta sempre piccolo.

Dalla mia plancia di comando del Blog noto che Stefano mi ha aggiunto al suo nuovo blog 🙂 GRAZIE! E… anche se il tuo sito è fatto in .Net e non in una qualsiasi forma open source lo accetto ben volentieri tra i linkazzi del mio blog!!!

Ad oggi restano solo un mese e mezzo alla fine. Mpizzamu u primu palettu! (Fissiamo il primo paletto).

Postrack: Notre Dame de Paris – Les Sans Papier

2 commenti»

  Laura wrote @

Il case metallizzato per l’ipod?? Lo voglio anch’ioooooo!!! :))

  2dvisio wrote @

Mettero’ delle foto anche del case cosi’ ti farai un’idea… ^__^


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: