Parlottoliere

Dove il tempo gioca a carte con lo scazzo

Open House

Oggi si conclude un’altra pagina di esperienze per il mio tirocinio roccheggiante in California. 🙂 Oggi c’è stato il culmine dell’open-house, una rassegna aperta al pubblico (Panasonic) delle altre aziende in cui facciamo un po’ di dimostrazioni del nostro operato.
E qui fioccanti dimostrazioni a più non posso.
Una ovviamente ha visto il mio progetto, una Demo partorita dalla mente di Luca in primis e che poi ha visto la luce grazie al lavoro mio e all’aiuto di David.

I boss del boss del mio boss 😀 sono rimasti abbastanza soddisfatti della presentazione (almeno questo è quello che è trapelato dalle loro facce tutte tipicamente Giapponesi).

Dopo delle interminabili ore di dimostrazioni e presentazioni siamo andati a farci un giro con Luca per Santana Row per distenderci un po’. Sotto la quercia gigante della riga di Santana abbiamo fatto la conoscenza di Alex 🙂 un Etiope bello rilassato che sedeva là e poco mancava che incominciasse a raccontare i cazzi di tutti quelli che erano seduti in quel momento sotto la quercia (quella che vedete alla fine del video.

Poi gli abbiamo detto che eravamo italiani e lui via… a lodare gli italiani 🙂 con un paio di keywords qui e là (tipo: vaffanculo, caffè macchiato, cazzo!) insomma, quelle che servono per vivere no? 😀

Mi sa che dobbiamo farlo conoscere a Philippe 😉 .

Poi siamo tornati visto che c’era la cena. Siamo rimasti li a disposizione di chi avesse voluto porci delle domande o conoscere i dettagli dei nostri (inesistenti per quello che mi riguarda) progetti.

E allora lì, nel mezzo di un pranzo impressionante a base di sushi (buonissimo!!!), caso vuole che mi sia scontrato con uno dei mega boss di cui sopra per un roll di riso con ricci di mare 🙂 e visto che io sicuramente non l’avevo mai assaggiato il mega boss mi ha favorito desistendo alle mie richieste di mangiarlo lui 🙂
Ovviamente ho dovuto pagare lo scotto mettendomi a rispondere alle sue domande 😀 ma non è stato niente di doloroso, anzi, si è dimostrato molto aperto alla conversazione, anche se i loro livelli sono ben in altre dimensioni che quelle mie attuali.

Dopo lui è cominciata la lotta con David (che era già al terzo piatto di sushi) per accaparrarci gli ultimi sushi al tonno 🙂 e poco dopo mi sento da dietro uno che mi chiama con il nome del mio progetto 😀 lol . E allora mi sono girato piano piano perchè credevo di avere le allucinazioni 😀
e mi trovo davanti il super-mega-boss che purtroppo non mi ha offerto una poltrona in pelle umana come avrebbe fatto con Fantozzi, ma si è messo a chiedermi cosa ne pensavo del progetto e di altre cose e di come la pensava lui.

Insomma una giornata molto piena e molto intensa. Ora mi aspetta ovviamente ancora lavoro da fare e la strada è lunga. Ma speriamo che lo sforzo ripaghi al più presto possibile 😀

Per il momento mi sa che ho scritto anche troppo. E’ ora di rilassarsi un poco 😀 !!!

Postrack: Paris Combo – Attraction

No comments yet»

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: