Parlottoliere

Dove il tempo gioca a carte con lo scazzo

Archivio per giugno 22, 2007

Alla ricerca del tempo perduto

Minchia stanchizzzaaaa. Questi giorni sono massacranti sia a livello fisico che a livello mentale. A volte ringrazio il cielo del ciclo giorno notte, così almeno mi riposo. 🙂 Ma non voglio cominciare con lamentele. Oggi abbiamo fatto dei test a lavoro. Insomma non è che siano andati benissimo (in my humble opinion) ma almeno abbiamo preso un po’ di dati. Ora bisogna vedere soltanto di metterli per bene insieme.

Intanto avevo promesso un film e così sarà 🙂 . Si tratta niente popodimeno che di Lord of War col grande Nicolas Cage (nome d’arte di Coppola Nicolas [nipote del grande Francis Ford], indovinate perchè ha cambiato nome 😉 ) insomma il film me l’ha consigliato Filippo, e in pratica il giorno dopo era già giacente nella mia lista film.

Lord Of War SatiraNon potevo aspettare e ieri ho cominciato a vederlo (e poi ovviamente mi ha mangiato tutto il resto del tempo).

Un Nicolas molto diverso ma al solito suo sempre con la stessa faccia e lo stesso atteggiamento [ci sono attori che una volta che entrano nel ruolo non ne escono più | leggi Next]. Quindi aspettatevi più o meno il solito duro ma stavolta un po’ ammorbidito, sarà l’effetto del tema trattato (per nulla banale e leggero), anzi, diciamo che è proprio l’effetto del contorno. Un film che cerca di trattare il tema del contrabbando di armi in un modo molto romanzato (che più uno lo guarda più si convince invece che sia una biografia di qualcuno qua in giro) riuscendo in pieno nella storia.

Ovviamente da discreto osservatore quale penso di essere (almeno per il fatto che alla famosa occasione del “Manchurian Candidate” avevo raccontato ad Antonio come finiva il film 20 minuti prima della fine 😛 [era la prima volta che lo vedevamo]) anche in questo caso qualche colpo di scena me lo sono anticipato nella mente, ma come raramente capita, questa volta i momenti di suspence erano ben articolati, e strutturati in maniera tale da lasciare comunque con il fiato sospeso.

Insomma un film di tutto rispetto e abbastanza gradevole. Non fosse per il fatto che lascia tutto un po’ con una sensazione apocalittica di non soluzione del problema che però riesce a non far scadere il film in un banalissimo lieto fine allo zucchero e miele.

Per oggi invece la serata filmica prima della nanna prevede The Pursuit of Happiness del grande Muccino [io l’ultimo bacio non l’ho visto 😛 ].

Questo non dopo un riso al sugo piccante con abbondanti peperoni 😀 sono o non sono Calabrese in fondo? A casa mia la peperonata la mangiamo di sera da quando sono bambino, mai avuto effetti collaterali 😀 . Mega risottone quindi e come al solito quando faccio riso ne faccio in quantità industriale così ne resta sempre un po’ per il giorno dopo [tranquilli la peperonata di sera, non di mattina per colazione come un certo Aldo Baglio 😀 ].

Quindi ora mi metto a dare un’occhiatina a questo tema principale della vita di tutti noi (la ricerca della felicità) e vediamo come Muccino ci racconta il suo punto di vista. Un abbraccio.

PostCuriosità: A parte il cognome cambiato per ovvi motivi [che non vi sto qui a spiegare] Nicolas è nipote del grande Francis Ford Coppola e figlio di un professore di letteratura e di una coreografa, altro non poteva fare che l’attore. Vita molto godereccia (4 le più famose fidanzate tra cui anche Uma Thurman, dalla quale è riuscito a scapparne vivo 🙂 ). 3 mogli 🙂 (la seconda è la figlia del grande Elvis de Pelvis). E due figli 😀 e qui Paul voglio un tuo intervento come minimo perchè indovinate che nome ha messo la fresca coppia al secondo figlio? Kal-el 😀 😀 Mitico Nicolas!!!